INCONTRI D’AUTORE AUTUNNO 2022

***

Domenica 30 ottobre 2022 ore 16,00

Spazio Incontri Fondazione CRC – Cuneo

L’albero delle teste perdute

Bruno GAMBAROTTA 

presenta il suo ultimo libro

Interventi musicali a cura di

Vera ANFOSSI  violino 

Fernanda SARAVALLI  arpa

_________________________

Charles Adrien Wettach : Béka Ròka Csàrdàs

Camille Saint Saens : Il Cigno, Danza Macabra

Julies Massenet : Thais meditation

Fritz Kreisler: Schon Rosmarin

Astor Piazzolla : Oblivion

Oskar Rieding : Allegro dal Concerto op 25

Ennio Morricone : Gabriel’s oboe (dal film Mission)

Oskar Rieding : Allegro dal Concerto op 34

E.Presley, F.Lai, H.Mancini, N.Rota: Medley di musiche da film

BRUNO GAMBAROTTA

E’ nato il 26 maggio 1937 ad Asti e agli anni felici dell’infanzia e dell’adolescenza trascorsi ad Asti ritorna costantemente. Nel 1956 si diploma perito fotografo al Bodoni di Torino e quello resta l’unico traguardo scolastico raggiunto. Dal 1962 al 1994 lavora alla Rai, nel centro di produzione di Torino e a Roma, nella direzione programmi di viale Mazzini. Ricopre vari ruoli: cameraman, programmista, produttore esecutivo, autore, spalla (Fantastico ’87), conduttore (Lascia o Raddoppia? Cucina Gambarotta) in tv e in radio. Su invito di Luigi Comencini inizia una saltuaria prestazione di attore nel cinema, in ruoli minimi: l’elenco dei film è lungo e non vale la pena elencarlo in questa sede. E’ anche l’agente Quattroni nei 24 episodi de “Il commissario Manara”. In parallelo all’attività lavorativa, pratica l’esercizio della scrittura: monologhi teatrali, racconti, romanzi, rubriche su riviste e quotidiani (in ordine di tempo La Repubblica, L’Unità, La Stampa, Comix). Attualmente su “Azione”, settimanale di Lugano compare un racconto in una rubrica quindicinale e “L’immaginazione”, rivista bimensile di letteratura, ospita in ogni numero un suo racconto. Dopo 4 libri pubblicati da Garzanti è felicemente approdato nel catalogo di Manni editori, per il quale è al quinto titolo: “L’albero delle teste perdute”.Dedica tempo ed energie ad una attività di organizzatore di cultura. Dalla seconda edizione, cioè da 25 anni, collabora al Festival della Letteratura di Mantova in qualità di conduttore di incontri con i grandi scrittori ospiti del festival. Da 6 anni è direttore artistico del festival “Sentieri&Pensieri” a Santa Maria Maggiore. Appassionato di musica, attualmente gira l’Italia con il pianista Giorgio Costa e la flautista Elena Cornacchia per prendere parte come voce recitante a concerti dedicati rispettivamente a Chopin, a Mozart e a Ennio Morricone. 

VERA  ANFOSSI

Si è brillantemente diplomata in violino nel 1985 al Conservatorio G.Verdi di Torino, sezione staccata di Cuneo, sotto la guida del prof. Bruno Pignata e, successivamente, nel 1987, in viola, allieva del M°Giovanni Mosca. Ha seguito i corsi di perfezionamento del M°Gerard Poulet all’Accademia Internazionale di Nizza, del M°Stoian Kalcev a Forte dei Marmi e del M°Jacques Francis Manzone al Conservatorio di Mentone dove ha conseguito il Primo Prix du violon. 
Ha collaborato con l’Orchestra del Teatro del Giglio, con l’Orchestra Lirico-Sinfonica di Piacenza, con l’Assieme Italiano per la Musica Contemporanea  e con l’Ensemble Baroque de Provence. Ideatrice e fondatrice dell’ Associazione “Amici della Musica” di Cuneo, e capofila di un progetto Interreg finanziato dalla Comunità Europea per gli anni 1998/99, ha fondato il Petit Ensemble Instrumental per la musica da camera e l’Orchestra Filarmonica del Piemonte con la quale ha effettuato tournées in Germania e in Cina. Con differenti gruppi strumentali e nel ruolo di spalla ha lavorato in Italia e all’estero. Ha collaborato con vari artisti tra cui Bruno Gambarotta, Dario Argento, Cecilia Gasdia, Danilo Rossi, Giovanni Angeleri. 
E’ docente di violino al Liceo Musicale Statale di Cuneo

FERNANDA SARAVALLI

Figlia d’arte (suo padre fu musicista e da lui ricevette il primo insegnamento musicale) nasce a Torino, dove compie gli studi musicali al Conservatorio G. Verdi diplomandosi in Arpa e in Didattica della musica; frequenta inoltre quattro corsi di composizione. Giuliana Albisetti Rotondi, Giovanna Verda, Claudia Antonelli, Gabriella Bosio segnano il corso dei suoi studi e si  perfeziona con Susanna Mildonian. Intraprende l’attività concertistica, sia come solista che in formazioni cameristiche in Italia ed all’estero, ottenendo consensi di pubblico e di critica. Risulta finalista in numerosi concorsi nazionali ed internazionali (concorso Salvi 1979, E.C.Y.O. nel 1984) vincendo il primo premio a Stresa nel 1986 ed il secondo assoluto ad Asti nel 1991. Ha lavorato, inoltre, a fianco di noti personaggi dello spettacolo come  Al Bano Carrisi, Roberto Facchinetti, Ivana Spagna, Massimo Ranieri, Danilo Amerio, e Carl Anderson. Dal 1984, collabora con numerose orchestre: l’Orchestra Nazionale della RAI, del Teatro Regio di Torino, del Teatro Carlo Felice di Genova, l’Orchestra “Haydn” di Bolzano e Trento, la Filarmonica Giovanile Svizzera, l’Orchestra sinfonica dell’Emilia Romagna Arturo Toscanini di Parma, la Columbus Symphony Orchestra di Genova, l’Orchestra Filarmonica di Torino, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, la Filarmonica ‘900 del Teatro Regio di Torino, l’Orchestra Bartolomeo Bruni di Cuneo, l’Orchestra Sinfonica della Valle d’Aosta, l’Orchestra Sinfonica di Savona, l’Orchestra Asti Filarmonica, l’Orchestra Sinfonica di Asti, l’Orchestra Filarmonica del Piemonte, l’Orchestra Melos Filarmonica ed il gruppo celtico Aradia di Novara, sotto la guida di illustri direttori d’orchestra come Gary Bertini, Eliahu Inbal, Yuri Temirkanov, Zoltan Pesko, Piero Bellugi, Roberto Abbado, Marcello Rota, Gianpaolo Bisanti e Marlaena Kessick. Ha svolto alcune tournées, toccando città come Colonia, Mosca, con Luciano Pavarotti, San Pietroburgo, New York, Vienna e Praga, Chambery, Strasburgo, Villingen e Oberfrick, Murten (Svizzera), Principato di Monaco. Ha collaborato con la Hungarian Philharmonic Orchestra al Teatro Regio di Torino. Fa parte di svariati gruppi da camera tra i quali il Trio Sara con il marito clarinettista Massimo Ferraris e il figlio Alessandro alle percussioni. Ha suonato nella Sinopoli Chamber Orchestra in qualità di arpa solista e con essa ha partecipato al Sinopoli Festival di Taormina, edizione 2010. Ha collaborato ad iniziative di: A.GI.MUS.  di Torino, Settembre Musica, Asti Teatro. Viene regolarmente invitata come Presidente di commissione e membro di giuria in concorsi nazionali ed internazionali, a fianco dei Maestri Marcello Abbado e Luciano Lanfranchi. Tiene Masterclasses di arpa in tutta Italia. Suona su arpe Salvi ed è stata Direttore artistico dell’evento Arpissima 2013 organizzato dalla ditta Salvi di Piasco (CN) svoltosi al Palacultura di Messina in collaborazione con il Conservatorio Arcangelo Corelli di Messina. Compare in diverse registrazioni in formazione orchestrale alla RAI ed altre orchestre, compreso un CD live inciso al Teatro Regio di Torino nel Novembre 2002 con l’Orchestra Filarmonica Ungherese. Il suo repertorio copre la più importante letteratura arpistica, dal XVIII secolo alla musica contemporanea. Ha insegnato presso il C.I.M.T. (centro istruzione musicale torinese) E’ docente di arpa al Conservatorio Giorgio F. Ghedini di Cuneo. Ha fondato nel 2013 il MagichArpeEnsemble, un grande gruppo cameristico di arpe formato da tutti i suoi allievi. E’ Vicepresidente del Woman Band Directors International.

***

Domenica 6 novembre 2022 ore 16,00

Spazio Incontri Fondazione CRC – Cuneo

Duo Romantico

Joaquin PALOMARES violino

Carlos APELLANIZ pianoforte

___________________________

Edward Grieg Sonata n. 3 in do min. op. 45

Allegro molto ed appassionato

Allegretto espressivo alla romanza (mi maggiore)

Allegro animato

Cesar Franck  Sonata in la magg.  

Allegretto ben moderato

Allegro

Recitativo-Fantasia: Ben moderato. Largamente con fantasia

Allegretto poco mosso

 

JOAQUIN PALOMARES

E’considerato dalla critica uno dei migliori violinisti spagnoli. Diplomato in violino e musica da camera con menzione speciale nei Conservatori di Valencia e Bruxelles sotto la guida di Alos, Leon-Ara, Kleve, de Canck e van den Doorn, ha completato la sua formazione con V. Klimov, D. Zsigmondi e A. Rosand. El País ha scritto di lui “….violinista dalla tecnica straordinaria, dal suono potente ed incisivo, che ha imposto in ogni momento l’indiscutibile legge del virtuoso” e lo Stuttgarter Zeitung  lo ha definito “…un poeta-virtuoso con temperamento latino”. Dopo il debutto a quindici anni  con il  Concerto per Violino di Beethoven e la successiva  partecipazione al Flesh Violin Competition di Londra, inizia una carriera esibendosi nelle migliori sale d’Europa e del Giappone –  Konzerthaus di Vienna e Oslo, Auditorio Nacional, Teatro Real, Palau, ed altre –  collaborando con  orchestre prestigiose – Orchestra Nazionale di Spagna, RTVE, Mozart Orchester di Vienna, Virtuosi della Filarmonica di Berlino, Orchestre da Camera di Lodz – e con direttori quali Maazel, Jurowski, Chernouschenco. Ha partecipato ai Festival di Santander, Granada, Spoleto, Avignon, Montecarlo ed ha suonato  con James Levine, Bruno Canino, A. Rosand, Radu Aldulescu, C. Delangle e Franco Petracchi. Nel 1999 ottiene  la nomination ai Premi Grammophon  con un cd su Milhaud ed ultimamente ha inciso concerti per violino e orchestra di Beethoven, Hindemith, Chausson, Serebrier e Montesiones. Docente al Conservatorio Superiore di Murcia, tiene regolarmente masterclasses al Conservatorio Reale di Musica di Bruxelles, al Conservatorio di Reykjavik e nella maggior parte dei Conservatori spagnoli. Suona su un Nicola Gagliano (Napoli, 1761) e su un Roberto Regazzi (Bologna, 2003).

CARLOS APELLANIZ

La sua carriera è supportata da più di venti premi internazionali, tra cui il Premio Speciale al Concorso Pianistico Internazionale di Santander, il Primo Premio al Concorso Internazionale di Fiamma, il Premio Claude Kahn e il Premio Saint Nom La Breteche a Parigi.

Ha iniziato gli studi musicali con la pianista Françoise Doué a l’Ecole Nationale de Musique de Bayonne-Côte Basque, dopo aver terminato la sua formazione ottenendo la medaglia d’oro, ha continuato il suo perfezionamento con i pianisti Jacques Rouvier e Pascal Devoyon al C.N.S.M. de Paris dove ha ricevuto il Primo Premio per il Pianoforte e il Primo Premio per la Musica da Camera. Ha perfezionato la sua formazione musicale presso la Scuola di Musica Reina Sofía con Dimitri Bashkirov e Galina Eguiazarova. In numerose masterclasses ha seguito i consigli di Alicia de Larrocha, Leon Fleisher, F. R. Duchable, Dario Darosa, Emil Naoumoff, tra gli altri. Viene nominato pianista solista del Grup Instrumental de Valencia e la sua carriera prende una svolta verso il mondo contemporaneo, verso il quale si è sempre sentito attratto. Grazie al suo lavoro in questo campo musicale appena creato, gli viene riconosciuto il National Music Award. Collabora regolarmente con il Plural Ensemble, Espai Sonor, Ensemble d’arts. È regolarmente invitato ad esibirsi come solista in numerose orchestre nell’ambito di prestigiosi Festival Internazionali. Partecipa regolarmente a registrazioni per Radio France, Radio Nacional de España, Radio Bartok, Euskadi Irratia… e ha dischi con le etichette Sgae, Verso, Naxos… Molto attivo in ensemble di Musica da Camera, è membro fondatore del B3: Brouwer Trio, Duo Apellaniz, con il quale produce regolarmente. Ha insegnato a Musikene (Paesi Baschi), al Conservatorio Superiore di Musica di Aragona e in numerosi festival estivi. Attualmente, abbina il suo lavoro pedagogico al Conservatorio di Musica di Valencia con esibizioni pubbliche di musica da camera e pianista solista.

***

Domenica 13 novembre 2022 ore 16,00

Spazio Incontri Fondazione CRC – Cuneo

Viva Espana

Sasa DEJANOVIK chitarra

Milena PUNZI ANFOSSI violoncello

_________________________

Enrique Granados: Andaluza

Isaac Albéniz: GranadaTango

Francisco Tárrega: Capricho Arabe

Agostín Barrios: Julia Florida – Chorro da saudade

Isaac Albéniz: Asturias – Sevilla

Cinque Danze e Canzoni Andaluse

per Violoncello e Chitarra

SASA DJANOVIC

E’ nato a Banja Luka (Bosnia-Herzegovina) nel 1965. Ha iniziato lo studio della chitarra classica da bambino entrando nella scuola di musica della sua città nel 1974. La sua formazione è proseguita alla High School of Music di Sarajevo e Zagabria sotto la guida dei professori Mila Rakanovic e Istvan Römer e alla Academy of Music in Zagabria con Darko Petrinjak. Ha vinto numerosi importanti concorsi; si è aggiudicato la borsa di studio del Fondo per i giovani musicisti di Zagabria che gli ha permesso di perfezionarsi sotto la guida di Angelo Giardino all’Accademia Internazionale Superiore di Musica di Biella. Ha terminato i suoi studi accademici al Royal College of Music di Londra. Ha partecipato a numerosi workshops europei con David Russel, Hubert Käppel, Neil Smith, Roberto Aussel, Wolfgang Lendle. Ha suonato in prestigiose sale concertistiche come Philharmonie (Cologne), Kursahl (Wiesbaden), Deutschen Oper Am Rhein (Düsseldorf), Johannes Brahms Saal (Karlsruhe), Bachsaal (Aschaffenburg), Vatroslav Lisinski, Croatian Institute of Music and Mimara (Zagabria), Jean Renoir (Parigi), Kitara (Saporro), Teatro Colon and Teatro Nacional “Cervantes” (Buenos Aires), Real Coliseo (El Escorial), Teatro Monumnetal, Ateneo and CC de la Villa (Madrid), Caja Madrid (Aranjuez and Barcelona), Conde de Ansures and Auditorio de Ferias (Valladolid), Auditorio “Alfredo Kraus” (Las Palmas de Gran Canaria), ed inoltre nell’ambito di festival in Austria, Svizzera, Italia, USA, Cile, Argentina, Giappone, Spagna, Germania e Francia, riscuotendo ovunque i più lusinghieri apprezzamenti della critica musicale specializzata che lo ha definito “eccellente interprete discendente di Segovia e Yepes”. Ha registrato diversi CD per etichette varie in Germania, Austria, Spagna e Croazia. Uno dei suoi ultimi lavori discografici lo vede impegnato nell’esecuzione del Concerto op. 30 di M. Giuliani con l’Orchestra Filarmonica di Zagabria al Teatro Monumentale di Madrid in presenza della televisione spagnola. Il suo ultimo CD solistico include l’opera completa per liuto di Bach.

MILENA PUNZI ANFOSSI

Si è formata artisticamente con i Maestri Dario Destefano, Andrea Scacchi e Roberto Trainini. Ha conseguito il Diploma di Violoncello nel 2012 e, nel 2014, il Diploma Accademico di II livello col massimo dei voti al Conservatorio G.F. Ghedini di Cuneo.  Con la borsa di studio del progetto Erasmus ha studiato al Conservatorio di Oviedo (Spagna) con il Maestro Viguen Sarkissov, partecipando a vari concerti con gruppi da camera a Gijon, Santander e alla Casa Reale di Madrid. Dedicatasi all’attività concertistica sin da giovanissima, suona in diverse formazioni da camera, in duo,trio e quartetto con nomi di rilievo internazionale quali Gianmaria Bonino, Michel Lethieck, DarkoBrlek, Sasa Dejanovic, Roberto Ranfaldi, Stefano Vagnarelli, in stagioni musicali e festivals di portata internazionale, tra cui il festival di Lubiana, il festival di Prades, Nancyphonies ed inoltre in Spagna, Belgio, Slovenia, Cina e Corea del Sud. Ha collaborato con formazioni cameristiche e sinfoniche quali l’Orchestra del Teatro Lirico “Verdi” di Trieste e l’Orchestra Filarmonica di Torino e con nomi importanti quali Ennio Morricone e il regista Nanni Moretti. Recentemente ha intrapreso un nuovo indirizzo professionale suonando in formazioni da camera con strumenti storici. Nel contempo si è avvicinata alla musica sperimentale elettronica, suonando con Nicolas Jaar in alcuni dei festivals più importanti: Rewire festival all’Aia, ClubToClub di Torino, Dark Mofo in Tasmania.

***

Domenica 20 novembre 2022 ore 16,00

Spazio Incontri Fondazione CRC – Cuneo

Piano Recital

Riccardo GAGLIARDI pianoforte

_______________________

Domenico Scarlatti

Sonata in mi maggiore K 380 :Allegro

Wolfgang Amadeus Mozart

Dodici variazioni in do maggiore K265

sull’aria “Ah, vous dirais-je maman”

Aleksandr Scriabin

Fantasia op 28

Johannes Brahms

Variazioni e Fuga su un tema di Händel

RICCARDO GAGLIARDI

Nasce da entrambi genitori pianisti nel 1997. Inizia lo studio del pianoforte privatamente con il padre, docente al conservatorio di Perugia, sostenendo il pre-accademico all’istituto di studi musicali superiori Rinaldo Franci di Siena, e con il M. Piernarciso Masi. Nel 2016 si trasferisce a Monaco di Baviera per studiare all’Hochschule fur Musik und Theater sotto la guida della professoressa Margarita Höhenrieder-Dornier, docente con la quale si laurea nel 2020 e conclude il master ad indirizzo concertistico nel 2022. Attualmente si sta ulteriormente perfezionando frequentando il master di musica da camera sotto la guida della professoressa Silke Avenhaus alla Hochschule di Monaco e seguendo il corso triennale di direzione d’orchestra all’accademia internazionale Incontri col Maestro ad Imola sotto la guida del M. Marco Boni. Dal 2020 è diventato assistente principale del M. Höhenrieder a Monaco. Si è perfezionato con maestri di fama internazionale tra cui: M. Andras Schiff; M. Riccardo Risaliti; M. Ingo Dannhorn; M. Johann Schmidt; M. Piernarciso Masi. La sua formazione concertistica lo ha portato ad esibirsi nella scena musicale europea per numerosi festivals e stagioni sia come solista, in gruppo cameristico o con orchestre del panorama internazionale, tra cui: orchestra di Aquisgrana, orchestra filarmonica di Bacau Mihail Jora, orchestra Estrorchestra di Livorno. 

Riccardo Gagliardi è vincitore di numerosi premi nazionali ed internazionai, tra cui: primo premio assoluto al concorso internazionale Lagny-Sur-Marne (Parigi, categoria “Jeune”), quattro premi in tre edizioni (4°, 2°, 1° premio e premio speciale per la migliore esecuzione di una sonata classica) al concorso internazionale “San Donà  di Piave”, terzo Premio al concorso internazionale “Harald Genzmer” di Monaco,  primo premio e primo premio assoluto al concorso nazionale “Città di Piove di Sacco”, secondo premio al concorso internazionale “Premio Sergio Cafaro” di Roma, nonchè il 2° premio al “Mozart e International Piano Competition” di  Aquisgrana, terzo premio all’”Orbetello International Piano Competition”, terzo premio al concorso internazionale “Delia Steinberg” di Madrid, secondo premio al concorso internazionale “Maria Giubilei”, primo premio assoluto al concorso nazionale “Città di Riccione”, secondo premio al concorso internazionale “Premio Sergio Cafaro” di Roma, premio speciale della giuria al “Youth of  Music International Competition” a Bucarest, primo premio assoluto al “Massarosa International Piano Competition”, primo premio assoluto al “Amigdala International Piano Competition”, primo premio al “Franz Liszt Center Competition” di Budapest, 3 premi (primo assoluto di categoria, primo assoluto di tutto il concorso, premio speciale per la migliore esecuzione di sonata classica) al concorso internazionale “Città di Minerbio”.

Dal 2022 è il pianista del Trio Michelangeli insieme a Paolo Tagliamento (violino) e Alessandra Doninelli (violoncello). Suona inoltre in duo stabile con il violoncellista Milo Ferrazzini-Hauri.